Un assaggio della mia collezione…

Bilancia pesa lettere italiana di fine '800

Bilancia pesa lettere italiana di fine '800

Verso la metà Ottocento, in un’Italia ancora lontana dalle luci del progresso, le distanze si colmavano con il nero di seppia e il calamaio…. E così, fiumi di parole e promesse, saluti e ricordi viaggiavano a passo lento attraverso le ferrovie, tra campagne e città, alla ricerca di un destinatario.  Per far fronte all’andirivieni della corrispondenza, nel 1889, fu anche istituito da Crispi il Ministero delle poste e telegrafi, con l’intento di creare sul territorio nazionale una complessa  rete di uffici presso i quali fosse possibile inoltrare e ricevere lettere e pacchi. Presto, la necessità di stabilire tasse e tariffe postali, favorì il fiorire di piccoli laboratori artigiani capaci di realizzare perfette bilance pesa-lettere, dai dettagli tecnici e decorativi stupefacenti. Infatti, anche negli studi di notai, avvocati, architetti, medici, uomini di lettere e di cultura, il flusso di comunicazione quotidiana rese indispensabile l’uso dei pesa-lettere personali: da tavolo per i più sedentari e da tasca per chi aveva l’abitudine di viaggiare o di spostarsi frequentemente.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento